RASSEGNA STAMPA WEB
come e dove Petra diventa cibo

Alessandro Plastina: Calabria a Trecentogradi


Due locali. Due motori ben oliati. A un passo dal mare...

CLIC > Slideshow     DOPPIO CLIC > Zoom


“Lo scorso settembre ho aperto in centro a Corigliano. Lì mi sono concentrato sulla pizza in teglia alla romana. Un po’ perché mancava come proposta in zona e un po’ perché mi intrigava l’idea di farla e di presentarla. Così ho inaugurato Trecentogradi. Mutuando il nome dalla temperatura perfetta per sfornare questo tipo di pizza. Ma non solo da solo. Con me ci sono altri due soci: Carmine Fontana e Gregorio Caldeo. Il primo è un pizzaiolo di lungo corso, che già lavora con noi alla pizzeria Mimosa. Mentre Gregorio è colui che si occupa dell’amministrazione”. 

Mentre racconta, Alessandro Plastina, è felice. Sia della nuova avventura, nel cuore del paese, sia di continuare a portare avanti un’insegna storica come la Mimosa, aperta da papà Claudio nel lontano 1986, in un'area più periferica di Corigliano Calabro, frazione del comune di Corigliano-Rossano. In provincia di Cosenza. 

“Siamo a 40-45 minuti di auto dall’altopiano della Sila”, spiega orgoglioso Alessandro. Che, in perfetta sintonia con la squadra - e con il collega e socio Carmine -, si alterna alla regia degli impasti e del forno. “Sono una sera qua e una sera là”, precisa sorridendo.

Tanto, le due realtà sono diverse. Anzi, si compensano e si completano.

“Alla pizzeria Mimosa abbiamo circa 120 coperti all’interno e altrettanti nello spazio esterno pavimentato. Lì abbiamo il forno a legna. Proponiamo la pizza tonda e quella in pala. Anche se non nego che, dopo 35 anni di attività, vorremmo fare una bella ristrutturazione e ampliare anche la proposta. Invece, da Trecentogradi abbiamo meno posti a sedere. Una trentina. Che ora naturalmente sono stati ridotti a 18-20. 

La protagonista, come dicevo, è la pizza in teglia. Partendo da una biga, preparo un impasto ad alta idratazione. Arrivo all’80%. Però propongo anche la pizza in pala. Che comunque è differente da quella della Mimosa, perché cotta nel forno elettrico. E poi abbiamo il padellino. In questo caso utilizzo il lievito madre, un licoli che rinfresco con la farina Panettone. E arricchisco il tutto con un po’ di integrale Petra 9. Ma ho anche iniziato a preparare la tonda. In questo caso spingo il forno a 350°C. Sta andando bene. Ha preso piede”, commenta orgoglioso Plastina. Fiero anche della sua lungimiranza:

“Il delivery da Trecentogradi l’abbiamo sempre fatto. Anche prima della pandemia. Quindi eravamo preparati. E ora proseguiamo con le consegne a domicilio, con l’asporto e con il servizio al tavolo”. Per una proposta a trecentosessanta gradi.

Due locali. Due motori ben oliati. A un passo dal mare. “Certo, qui ci sono le splendide spiagge di Schiavonea. La patria di Rino Gattuso”, puntualizza il pizzaiolo, con una bella laurea in Economia e Commercio alla Sapienza di Roma, ma pure con tanta voglia di dar voce alla sua terra.

“Cerco di valorizzare i prodotti regionali e gli artigiani locali. La ’nduja, per esempio, la abbino ai fiori di zucca e ai pomodorini gialli di Corbara. Ma ovviamente non dimentico la cipolla rossa di Tropea, il caciocavallo silano, la salsiccia calabrese e tante altre eccellenze del salumificio Madeo di San Demetrio Corone”, spiega Alessandro, raccontando una realtà posizionata sulle Colline Joniche Presilane che vanta, fra le tante referenze, anche una collection a base di suino nero di Calabria.

“Pure la mozzarella di bufala è autoctona, firmata da Bufavella, proprio di Corigliano. E le alici le prendo qua vicino. Le ho assaggiate, sono belle carnose. Non hanno proprio nulla da invidiare a quelle del Mar Cantabrico”, aggiunge lui. Che, intanto, unisce nord e sud nella prosciutto (di Parma) e fichi (indigeni).

“Inoltre da bere proponiamo Clemì, una bibita alle clementine della Piana di Sibari prodotta dai fratelli Gallo”. Che sono riusciti a catturare il caldo sole del sud, mettendolo sotto vetro. E servendolo persino in lattina.


Cristina Viggè
fonte:
https://www.fuorimagazine.it/mono/post/?mono=terra&permalink=alessandro-plastina-fra-ionio-e-sila


FUORI MAGAZINE
Iscriviti e ricevi per primo le novità.

 

PETRA srl - via Roma 49 - 35040 Vighizzolo d'Este (PD) Italia IT03968430284

PETRA srl - Vighizzolo d'Este (PD) IT03968430284

PETRA srl - IT03968430284